05 Apr 2020

Coronavirus: districarsi tra miti e leggende

di Redazione ISO

SCIENZA E RICERCA

Da alcune settimane il trending topic è sicuramente il COVID-19, più comunemente chiamato Coronavirus. Se ne parla ovunque, saturando quasi completamente tutti canali di informazione, mettendo in secondo piano temi tanto cari a noi Italiani, come la politica e il calcio.

Molti sono i pareri, anche autorevoli, che cercano di dare indicazioni utili alla popolazione. C’è chi invita alla calma, chi prefigura l’estinzione del genere umano, chi riesuma delle sempreverdi teorie complottiste … ma noi cosa facciamo per informare adeguatamente i nostri pazienti di questo argomento? Come possiamo aiutarli a districarsi tra miti e leggende?

In questi ultimi giorni il “Chinese Journal of Epidemiology” ha pubblicato un importante studio su più di 72’000 casi di COVID-19 confermati, sospetti e asintomatici in Cina.

Il primo dato che ci fornisce questo studio riguarda la mortalità. Infatti, pare che nella popolazione sotto i 40 anni ci sia un tasso di mortalità pari a circa lo 0,2% e che addirittura non siano stati riscontrati decessi fra i bambini sotto i 10 anni. Nella fascia 40-49 anni il tasso cresce leggermente a circa lo 0,4% e triplica nella fascia dei 50-59 anni. Infine, come ci si potrebbe aspettare, il dato cresce in modo considerevole in età geriatrica, in cui il tasso di mortalità raggiunge circa il 15% nella popolazione con più di 80 anni.

Inoltre l’articolo riporta che il tasso di mortalità aumenta in presenza di comorbidità, come malattie cardiovascolari, diabete, malattie respiratorie croniche, ipertensione e cancro.

Come riportato in un articolo del “World Health Organization”, si stanno diffondendo molti miti e leggende sul Coronavirus, pertanto dobbiamo essere in grado di rispondere alle domande dei nostri pazienti in modo chiaro, semplice e professionale:

1

Gli asciugatori automatici per le mani uccidono il coronavirus?

No, per proteggersi occorre lavarsi frequentemente le mani con sapone a base di alcool.
2

Gli scanner termici possono identificare chi ha il coronavirus?

Non esattamente. Questi strumenti possono identificare chi ha sviluppato febbre, indipendentemente o meno dal coronavirus. Inoltre non sono in grado di identificare le persone infette che non hanno ancora sviluppato febbre.
3

Cospargersi il corpo di alcool puro può guarire le persone infettate da coronavirus?

I detergenti a base alcolica non possono uccidere i virus che sono già penetrati nel corpo. Inoltre, queste sostanze possono essere molto dannose su alcune aree anatomiche come bocca ed occhi. Tuttavia l’alcool può essere un valido strumento per disinfettare le superfici.
4

È sicuro ricevere lettere o pacchi dalle zone considerate infette?

Sì, dai dati attualmente registrati, il virus non sopravvive a lungo su questa tipologia di oggetti.
5

I vaccini contro la polmonite proteggono dal coronavirus?

No, questo virus è nuovo e diverso e necessita di un suo specifico vaccino. Attualmente si sta cercando di sviluppare dei vaccini, ma non sono ancora disponibili.
6

Gli antibiotici sono efficaci contro il coronavirus?

No, gli antibiotici non funzionano contro i virus in generale, infatti il loro scopo è contrastare i batteri.
7

Inalare soluzione salina dal naso può prevenire l’infezione da coronavirus?

No, non ci sono evidenze a supporto di ciò. Questa condotta può dare un blando e raro beneficio in alcuni casi di raffreddore comune, ma questo non ha nulla a che vedere con il coronavirus.
8

Mangiare aglio aiuta a prevenire il coronavirus?

No, l’aglio ha delle proprietà lievemente antimicrobiche, ma non ci sono evidenze che indicano che mangiare aglio possa proteggere dal coronavirus.
9

Il coronavirus interessa solo gli anziani?

No, questo virus può colpire sia i giovani, sia gli anziani. Gli anziani sembrano essere più vulnerabili. Per questo è necessario proteggere soprattutto le categorie di popolazione più fragili come gli anziani tramite un’accurata igiene e/o utilizzando adeguatamente sistemi di protezione individuale se necessario.

Per informarsi quotidianamente

Vi invitamo a fare sempre riferimento alle fonti ufficiali e a non contribuire alla diffusione di fake news.

Anche contribuire a una corretta informazione e partecipare è importante. Potete informarvi e segnalare fake news, contribuire a progetti e segnalare iniziative attraverso questo progetto non profit, organizzato interamente da volontari (gli stessi che hanno creato https://terremotocentroitalia.info/).

Lascia un commento