Come diventare Osteopata

Nell'ambito della formazione in campo osteopatico l'obiettivo principale perseguito dalle scuole di osteopatia e dalle associazioni professionali è quello di garantire uno standard formativo il più alto possibile.
 
Esistono tre vie d’accesso principali alla professione di osteopata:

  1. Frequentare un Corso di Osteopatia a Tempo Pieno della durata di 5 anni
  2. Frequentare un Corso di Osteopatia a Tempo Parziale della durata di 5 anni
  3. Frequentare un Corso di Osteopatia a Tempo Parziale della durata di 6 anni


Nel primo caso lo studente intraprende l’iter formativo dopo la scuola superiore di secondo grado, una volta conseguito il diploma di maturità.

Il Corso a Tempo Parziale invece, secondo recenti sviluppi avvenuti con la presentazione della proposta di modifica n. 3.0.1 al Disegno Di Legge n° 1324 art.3, presentato in Senato il 1° Agosto 2014, è aperto ai soli candidati in possesso di:

  • Laurea in Fisioterapia;
  • Laurea in Medicina e Chirurgia (saranno necessarie delle integrazioni curriculari in ambito pratico manipolativo durante il primo anno di corso)
  • Laurea in Odontoiatria


Il CSdO è un'associazione di secondo livello che rappresenta l’Osteopatia Italiana ed è costituita dalle maggiori associazioni di professionisti presenti sul territorio nazionale.
Sono soci fondatori:
1. AIMM (Accademia Italiana di Medicina Manuale) 
2. AMOI (Associazione Medici Osteopati Italiani)
3. FeSIOs (Federazione Sindacale Italiana Osteopati) 
4. ROI (Registro degli Osteopati d'Italia)
5. UPOI (Unione Professionale Osteopati d'Italia)

Tale associazione fornisce i parametri ed i requisiti minimi per poter appartenere alla categoria degli osteopati. Naturalmente senza normative ancora vigenti non vi è il sigillo statale su queste associazioni, ma la volontà comune è quella di creare uno standard pari a quello attualmente vigente nel resto d'Europa.

Potrebbero interessarti anche