Il riconoscimento dell’Osteopatia in Italia

L’Osteopatia è un sistema di Prevenzione Sanitaria, affermato e riconosciuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L’Osteopatia in Italia è individuata dalla legge 3/2018 conosciuta anche come legge Lorenzin dalla quale riportiamo i passaggi più significativi:

Nell’ambito delle professioni sanitarie sono individuate le professioni dell’osteopata e del chiropratico, per l’istituzione delle quali si applica la procedura di cui all’articolo 5, comma 2, della legge 1° febbraio 2006, n. 43, come sostituito dall’articolo 6 della presente legge.“

“Con accordo stipulato in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, da adottare entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono stabiliti l’ambito di attività e le funzioni caratterizzanti le professioni dell’osteopata e del chiropratico, i criteri di valutazione dell’esperienza professionale nonché i criteri per il riconoscimento dei titoli equipollenti. Con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro della salute, sentite le competenti Commissioni parlamentari e acquisito il parere del Consiglio universitario nazionale e del Consiglio superiore di sanità, da adottare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, è definito l’ordinamento didattico della formazione universitaria in osteopatia.“

Cosa vuol dire individuata?

Che è attivato il percorso di riconoscimento e per concludersi questo percorso devono essere pubblicati i decreti attuativi.

Dopo la pubblicazione dei decreti attuativi l’Osteopatia sarà ufficialmente una professione sanitaria riconosciuta dallo Stato Italiano.

Cosa comporta il Riconoscimento dell’Osteopatia?

Come scritto nella legge, una volta pubblicati i decreti attuativi, l’Osteopatia sarà professione sanitaria e sarà quindi necessario anche in Italia un percorso di studi universitario per poter diventare osteopata ed iscriversi ad un albo professionale.

Come sta procedendo l'iter?

Al momento i tavoli tecnici ministeriali stanno lavorando sul profilo professionale poi passeranno ai piani formativi universitari ed in fine si lavorerà sulle equipollenze.

Il documento più autorevole al quale possiamo far riferimento oggi è la lettera che Alessandro Beux, Presidente della Federazione nazionale Ordini Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della riabilitazione e della prevenzione ha inviato ai direttori di scuole di osteopatia:

“Vi invito a informare gli studenti e i postulanti circa il fatto che solo i titoli pregressi equipollenti (per offerta formativa) all’istituendo corso di laurea in Osteopatia saranno ritenuti idonei a potersi iscrivere al futuro albo degli Osteopati. Diversamente, per coloro non in possesso di un titolo pregresso di laurea equipollente a quello futuro italiano, sarà necessario, in ossequio a quanto disposto dall’art. 7, comma 2, della legge 3/2018, effettuare un percorso formativo integrativo la cui durata sarà proporzionale al debito formativo esistente rispetto all’ordinamento didattico e ai crediti formativi che il MIUR intenderà riconoscere a una formazione a carattere privato.“

In questo momento è quindi fondamentale per gli aspiranti osteopati che il corso frequentato abbia dei requisiti sovrapponibili a quelli di una laurea. In questo modo le tutele sono maggiori.

La posizione dell'Istituto Superiore di Osteopatia

L’ISO si batte da sempre per il riconoscimento della professione in Italia e ha partecipato attivamente alla redazione dei più importanti documenti che vanno a regolamentare l’Osteopatia in Europa, ha un ruolo proattivo nella discussione con le istituzioni italiane e contribuisce a determinare gli standard per l’educazione in ambito osteopatico.

Il Direttore dell’Istituto Superiore di Osteopatia, Carmine Castagna, ha rappresentato l’ISO degli ultimi 10 anni di questo percorso ricoprendo il ruolo di:

  • Referente della delegazione italiana per l’Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI) presso il Comitato Europeo di standardizzazione (CEN di Bruxelles) nel 2013/2014
  • Membro del consiglio OsEAN (Osteopathic European Academic Network) dal 2015
  • Collaboratore del Registro degli Osteopati d’Italia (ROI) per la definizione delle competenze della professione e delle linee guida sulla formazione osteoapatica dal 2017

Date queste premesse riteniamo che per gli aspiranti osteopati la soluzione migliore sia quella di seguire un corso che rilascia una laurea di livello magistrale e ad oggi l’unico modo per ottenere una laurea in Osteopatia è attraverso un percorso validato da una università estera o attraverso la frequenza diretta presso una università estera.
Tutti i percorsi formativi ISO danno la possibilità di frequentare in Italia un corso di laurea in osteopatia e di ottenere un Master of Science in Osteopathy accreditato dalla Buckinghamshire New University.

Il riconoscimento dell'Osteopatia nel Mondo

Riconoscimento Osteopatia nel Mondo

TI PIACEREBBE DIVENTARE OSTEOPATA?

ISO Osteopathic Journal

Notizie, Eventi e Approfondimenti dal mondo Osteopatico ISO

5 Aprile 2020 Redazione ISO

Coronavirus: districarsi tra miti e leggende

Coronavirus: studi epidemiologici, FAQ e fonti di informazione...

Leggi l'articolo 0
5 Aprile 2020 Redazione ISO

ISO Instagram Contest

Partecipa all’ISO Instagram Contest di marzo: “COME STUDIO A CASA”...

Leggi l'articolo 0
5 Aprile 2020 Redazione ISO

Taboo osteopatico

Le attività di “gamification” e le “active learning strategies”...

Leggi l'articolo 0
5 Aprile 2020 Redazione ISO

Formazione continua ROI: il dolore

Corso di Aggiornamento ROI sulla gestione del dolore in ambito osteopatico...

Leggi l'articolo 0

Il Network ISO

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIÙ

 

Domanda di controllo, dobbiamo solo essere sicuri che tu sia una persona reale 🙂